Giovedi, 19 Ottobre, 2017

Invitalia, otto arresti per corruzione

Ignazio Cozzoli arrestato nel'ambito dell'operazione Ignazio Cozzoli arrestato nel'ambito dell'operazione"Pecunia non olet
Tiziana Canali | 13 Ottobre, 2017, 02:38

La mattinata di Roma è stata macchiata dall'arresto per corruzione di 8 persone.

Blitz della Polizia di Stato nei confronti di un'associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e alla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Oltre all'ex consigliere comunale Ignazio Cozzoli a finire ai domiciliari Emanuele Rigantè, Massimiliano Portaleone, Filippo Marullo, l'avvocato Francesco Capoccia, Silvia Pronti, il dipendente di Invitalia Luigi Napoli e Riccardo Solfanelli, già capo di gabinetto dell'ex vicesindaco nella giunta Alemanno, Sveva Belviso. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di una molteplicità di truffe a per il conseguimento di erogazioni pubbliche, corruzioni per atti contrari ai doveri d'ufficio, rivelazioni ed utilizzazioni di segreti d'ufficio.

L'ex consigliere finito in manette è Ignazio Cozzoli Poli, 43 anni. Eletto, è stato poi rimosso a seguito del ricorso presentato dalla consigliere Pd Giulia Tempesta che ha chiesto un riconteggio dei voti. La posizione di Luigi Napoli è più grave, in quanto a lui è attribuito pure il reato di accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico con il pesante aggravante di rivestire la qualifica di pubblico ufficiale.

Tra i destinatari del provvedimento di custodia cautelare c'è poi Luigi Napoli, un dipendente pubblico di Invitalia (Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa), ente erogatore delle agevolazioni di proprietà del ministero dell'Economia. Eseguite perquisizioni presso abitazioni degli indagati, compreso lo studio legale dell'avvocato Francesco Capoccia, nonché presso la sede Invitalia. L'effettuamento delle perquisizioni ha consentito l'acquisizione di ulteriori prove per incriminare gli otto indagati.

Other News