Giovedi, 19 Ottobre, 2017

Firenze, studenti in corteo contro l'alternanza scuola-lavoro

Mai più gli studenti delle medie a casa da soli genitori in difficolt Una circolare vieta ai bambini delle scuole medie di tornare a casa da soli.
Tiziana Canali | 13 Ottobre, 2017, 01:56

Ad esempio nella circolare di una scuola media romana si legge: "In caso di ritardo da parte del genitore (o delegato) nel prelevare l'alunno, il docente della classe affida il ragazzo al personale collaboratore scolastico, che, con l'aiuto del personale di segreteria, provvede a rintracciare il genitore". A quanto pare non è cosi. E ci sono i casi in cui la norma diventa più rigida, come quello citato da un articolo del Corriere della Sera, in cui diventa completamente "vietato tornare a casa da soli a meno che la prof non veda i volti conosciuti di genitori, nonni, baby sitter e non certifichi, documenti d'identità alla mano, che sono gli unici autorizzati a prendere in consegna gli studenti". Di conseguenza, "chiunque abbandona una persona minore di 14 anni della quale abbia la custodia o debba avere cura, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni".

Durante la diretta cercheremo di risolvere con i nostri esperti alcuni dei dubbi riguardanti l'Alternanza Scuola Lavoro, progetto obbligatorio per legge per licei e istituti tecnici e professionali e che costituisce un'esperienza formativa con molte potenzialità, ma anche numerosi rischi. Questo provvedimento è stato adottato in conseguenza ad una sentenza della cassazione dello scorso Maggio dove veniva condannata la scuola per la morte di uno studente investito da uno scuolabus. L'art. 97 del codice penale pone una presunzione assoluta di non imputabilità che prescinde dall'effettivo riscontro della capacità di intendere e di volere e che quindi non può essere superata neanche se il minore infraquattordicenne si presenta, di fatto, perfettamente capace. Che con ogni probabilità dovranno rassegnarsi, dal momento che la via delle liberatorie nasconde un'insidia: se un dirigente chiede ai genitori di firmare un documento di scarico responsabilità è come se riconoscesse l'esistenza di un pericolo; cosa che agli occhi di un giudice, più che uno sgravo, può costituire un'aggravante. Saremo davanti alla Regione Veneto a chiedere non solo più fondi, ma anche la volontà politica di investire sui bisogni degli studenti.

E' la domanda ricorrente di una fase precisa nella vita di un genitore, quella tra l'infanzia e l'adolescenza dei figli, tra la dipendenza e l'autonomia da mamma e papà: quando cominciare ad andare a scuola con le proprie gambe, o la propria bici, senza essere accompagnati? Infatti, mentre in Italia solo il 30% dei ragazzini torna a casa da solo, nel resto d'Europa si arriva al 90%. Con queste circolari viene minato il percorso di crescita dei ragazzi.

Other News