Lunedi, 25 Settembre, 2017

Banca Carige, ecco il piano: "Ritorno all'utile nel 2018"

Al via i licenziamenti di massa del nuovo piano industriale di Banca Carige Al via i licenziamenti di massa del nuovo piano industriale di Banca Carige
Lucrezia Musilli | 14 Settembre, 2017, 12:33

Ieri il consiglio di amministrazione di Banca Carige ha esaminato il nuovo piano industriale per il periodo 2017/2020. -23% dei costi operativi e + 48% sulla produttività commerciale del 2020 rispetto al 2016. Si tratta di circa il 20% del personale e del 20% degli sportelli dell'istituto ligure": "così l'istituto di credito tramite una nota.

L'istituto ha annunciato anche un rafforzamento patrimoniale di oltre un miliardo di euro attraverso un aumento di capitale da 560 milioni di euro (500 milioni più un'eventuale tranche di 60 milioni) e altri 480 milioni dall'operazione di conversione di bond subordinati e dalla cessione di asset.

Il piano industriale indica ritorno a un risultato economico positivo già nel 2018.

Carige progetta di arrivare al 2020 con oltre 200 milioni di utile lordo (quello del 2018 sarà simbolico ma comunque un segnale).

Quanto ai crediti deteriorati, le azioni mireranno a una "gestione attiva" che punti "all'abbattimento dei volumi e all'innalzamento dei coverage in linea con le best practice". Il piano prevede la rivisitazione del modello di business, che punta a fare di Carige "la banca di riferimento per famiglie, small business e pmi nei territori di riferimento, con un ampliamento dell'offerta di prodotti secondo una logica di architettura aperta", la razionalizzazione della base costi e "importanti investimenti strategici" a supporto della trasformazione ed evoluzione industriale del gruppo.

Other News