Lunedi, 25 Settembre, 2017

" "Stupri Rimini, il padre dei due marocchini a Matrix: "...ma sono giovani"

Stupri Rimini'Voglio guardarli in faccia: la trans a Matrix coi suoi legali Il padre degli stupratori di Rimini: «I miei figli tra due anni saranno liberi e puliti»
Tiziana Canali | 13 Settembre, 2017, 17:51

Destano scalpore le dichiarazioni rese dal padre dei due fratelli marocchini, entrambi minorenni, arrestati nel caso del duplice stupro di Rimini.

Mohamed - agli arresti domiciliari per furto - ha aggiunto di essere comunque dispiaciuto per quella ragazza polacca - ignorando completamente la trans che probabilmente per lui non merita neppure una menzione - ma ha asserito che i suoi i figli non avranno più certe compagnie, ed hanno capito quello che è successo, d'ora in poi, si comporteranno bene.

Il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, ha sentenziato che le parole del padre sono vergognose, "indicative di come l'uomo significa non abbia compreso per nulla la gravità e l'orrore delle violenze" e che quelle frasi, oltre ad evidenziare un inquietante contesto famigliare, culturale, morale, sono inaccettabili per le tre persone oggetto della violenza, della crudeltà inaudita.

Il primo cittadino ha prospettato un futuro del tutto diverso rispetto a quello immaginato dal genitore dei due fratelli di 17 e 15 anni, e ha confidato di attendersi pene esemplari: "Un fatto del genere non 'capita', non si risolve con un paio d'anni di soggiorno in carcere e poi si esce e si torna a fare la propria vita". I due bolognesi hanno descritto come "furie" i loro aggressori.

Per fare l'intervista le telecamere di Matrix sono dovute entrare nella sua abitazione, dove l'uomo sta scontando sei mesi di arresti domiciliari per furto e per essere rientrato illegalmente in Italia: "Dopo 30 anni che sono in questo Paese mi hanno dato anche un anno di carcere".

Other News