Sabato, 23 Settembre, 2017

Barcellona-Juventus, Dybala: "Voglio fare una bella prestazione"

Allegri Messi-Dybala: avversari oggi, compagni domani?
Sabina Domenici | 12 Settembre, 2017, 16:58

Se facciamo un buon risultato a Barcellona sarà importante. Ho già la chance di giocarci insieme nell'Argentina, è un grande compagno.

Io personalmente mi sento bene. La società ha lavorato bene. A me nessuno ha detto nulla. È strano vedere il Barcellona con tre giocatori nuovi, perché di solito erano gli stessi undici.

Il Barcellona ha perso un giocatore importante come Neymar, ma lo sta sostituendo con altri importanti. Ma la stagione è lunga. L'obiettivo è quello di passare il turno e di essere a marzo dentro tutte e tre le competizioni.

Questo che stiamo vedendo è il Dybala più forte di sempre?

Ha parlato con lui di questa partita? La Juve vuole che faccio parte di questo progetto a lungo, per questo è stata presa la decisione del numero 10. "Il Barcellona però lascia delle opportunità e dobbiamo sfruttarle". Bisogna fare gol e giocare una partita giusta, senza fare calcoli.

Barzagli gioca. Non so dire se in mezzo, a destra o sinistra. E' giovane e ha un grande qualità, un modo di giocare eccellente. "È una partita da giocare con grande lucidità tecnica, soprattutto quando ci vengono a pressare". Il clamoroso 3-0 brucia ancora agli spagnoli, ma una cosa è sicura: non sarà la stessa partita dell'anno scorso. Domani possiamo giocare con tre centrocampisti e tre davanti o due centrocampisti, o due punte e uno dietro. Con due punte e uno dietro.

NUMERO 10 E MESSI - "E' una maglia importante, ma giocarci qui non ha un significato particolare". Domani bisogna segnare, non subire gol dal Barcellona per la terza volta consecutiva sarebbe difficile. "Ma io devo dare tutto per i tifosi della Juve". Non dobbiamo fare calcoli, anche perché arrivare primi o secondi non fa grande differenza.

Massimiliano Allegri ed il Barcellona, una sfida infinita: per la dodicesima volta l'allenatore trova sulla propria strada i catalani in Champions League. "Devo riconfermarmi? Sicuramente sì, perché quello che ho fatto l'anno scorso non se lo aspettava nessuno e adesso tutti si aspettano quello che ho fatto l'anno scorso".

Il massimo dirigente juventino, però per ora ha rispedito la proposta al mittente, e il giocatore sembra sempre sorridente e sereno, a Torino, e lontano da quelle voci, che lo vogliono fuori dall'Italia per ottenere la definitiva consacrazione, e ambire a qualcosa di più pesante, certo cinque trofei, in due stagioni bianconere, sono tanta roba, ma lo zero in campo internazionale pesa, e il bianconero vista la sfortuna del club torinese, che in questo contesto dura ormai da anni, potrebbe far recedere Dybala e tentare magari un'esperienza all'estero.

"Dove può arrivare Dybala?". Per quanto riguarda il futuro sono felice qui. Il Barcellona è forte anche senza Neymar e lo stanno dimostrando in campionato. "Finchè la società e il presidente mi vogliono nella Juve io sarò lì".

Other News