Mercoledì, 20 Settembre, 2017

Se compri una borsa vinci uno stage, bufera su un'azienda napoletana

Carpisa offre uno stage a chi compra una loro borsa e vince un ... Carpisa, compra una borsa e vinci uno stage. Ed è polemica in rete
Lucrezia Musilli | 06 Settembre, 2017, 20:01

Diversi blogger e giornali hanno criticato Carpisa, che di fatto implica che per ottenere uno stage di appena un mese si debba pagare qualcosa (l'acquisto della borsa) e lavorare gratis.

Quella che doveva essere un'offerta di stage originale, si è rivelata un boomerang per l'immagine del brand Carpisa, tanto che la società di abbigliamento ha dovuto chiedere le sue scuse per "la superficialità con cui è stato affrontato un tema così delicato come quello del lavoro".

La campagna del gruppo di pelletteria suggerisce a chi acquista una borsa donna Carpisa della collezione autunno-inverno 2017/2018 di conservare il proprio codice gioco. La collezione, in particolare, è "composta da modelli capienti e versatili, dalla costruzione sia morbida che rigida, proposti in una varietà di materiali come il simil struzzo, la vernice, il saffiano e il materiale granato anche nella versione sfoderata". "Ancora una volta si continua ad alimentare l'idea che il lavoro sia una concessione invece che un diritto, e che sia lecito e giustificato sfruttare le idee e la m a n o d'opera senza un'adeguata retribuzione" attacca Fabrizio Russo, segretario nazionale della Filcams Cgil. A quel punto dovrà elaborare un piano di comunicazione richiesto e completare un form con i dati e i file richiesti per poi inviare la propria candidatura. Il concorso è iniziato il 24 agosto e si concluderà domani, 6 settembre.

Alla fine, il vincitore verrà premiato con "uno stage della durata di 1 mese presso l'ufficio marketing & advertising della società promotrice". Per un'altra utente di Twitter è "Il risultato di un anni di politica attenta sul lavoro". Il caso del concorso pubblicato sul sito dell'azienda che prometteva ai partecipanti di vincere uno stage nell'area marketing è diventato virale, suscitando le polemiche di tanti giovani.

Other News