Lunedi, 25 Settembre, 2017

Vaccini: arriva autocertificazione, più facile iscrizione a scuola

Vaccini, obbligo e verità Vaccini obbligatori a scuola, le Asl di Napoli prese d'assalto per ricevere informazioni
Bindo Vilardo | 05 Settembre, 2017, 18:04

PER LE MATERNE - Per facilitare le operazioni per le famiglie, sia la documentazione con l'idoneità vaccinale che quella per l'appuntamento con l'Ausl, pure se ottenuto telefonicamente, possono essere sostituite da autocertificazione.

Le famiglie con figli che frequentano servizi educativi per l'infanzia o scuole dell'infanzia (incluse quelle private non paritarie) dovranno presentare la documentazione richiesta entro l'11 settembre 2017, atteso che il termine indicato dal decreto-legge (10 settembre 2017) è un giorno festivo. Nel frattempo, nella sede Asl più grande della Campania, i vertici dell'Azienda sanitaria locale, insieme ai responsabili dei centri di vaccinazione, hanno tenuto una riunione per decidere come ovviare al problema del sovraffollamento degli ambulatori per la richiesta di informazioni. Dopo le anticipazioni delle ultime settimane, la circolare di venerdì del Ministeri dell'Istruzione e della Salute comunica le date di scadenza per la presentazione dei documenti: 11 settembre per gli asili e 31 ottobre per le scuole dell'obbligo. Esonerati anche i soggetti che si trovano in specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra.

Alquanto bizzarro che la misura dell'obbligatorietà vaccinale, nata circa cinquanta anni fa, sia messa in crisi da una tendenza (omicida) con una duplice origine: dal clamore sui presunti (infondati) rischi di danni neurologici e autismo legati alla somministrazione del vaccino trivalente e dalla bassa percezione del pericolo delle malattie a livello individuale, perché alcune di esse vengono considerate rare o scomparse (senza ricordare che è un risultato frutto delle vaccinazioni).

Se lo scopo era effettivamente quello di agevolare le famiglie nell'adempimento degli obblighi vaccinali - obiettivo più che utile - la sostanza è che la documentazione da presentare di vincolante ha molto, molto poco.

L'area Servizi al Cittadino del Comune di Fiumicino ha diffuso la rettifica all'avviso del 14 agosto, "concernente gli obblighi di vaccinazione per i minori che frequenteranno gli asili nido e le scuole dell'infanzia per l'anno scolastico 2017/2018". "Ci saremmo organizzati per tempo evitando di creare questo macello", spiega un'altra mamma.

Inoltre è possibile somministrare sei vaccini insieme, con l'esavalente (anti-poliomielite, anti-difterite, anti-tetano, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus Influenzae tipo b), e quattro vaccini in una volta con il quadrivalente (anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella). In tutti questi casi, e solo per l'anno scolastico 2017/2018, in alternativa alla presentazione della copia della formale richiesta di vaccinazione si potrà autocertificare di aver richiesto alla Asl di effettuare le vaccinazioni non ancora somministrate.

Sono 10 le vaccinazioni obbligatorie e gratuite. "La comunicazione fornisce, in vista dell'avvio delle lezioni, indicazioni chiare sul fronte della documentazione da presentare, sulle scadenze previste e sull'accesso a scuola", si legge nella nota del Ministero della Salute. La tabella è allegata in fondo all'articolo, mentre l'obbligo vaccinale, anno per anno, è sintetizzato anche in queste due immagini.

Other News