Venerdì, 20 Ottobre, 2017

Supercoppa, Inzaghi: "Dovremo fare una partita coraggiosa ed essere squadra"

Lazio le parole di Inzaghi e Lulic in conferenza stampa prima della sfida alla Juventus Supercoppa, Inzaghi: “Dovremo fare una partita coraggiosa ed essere squadra”
Sabina Domenici | 13 Agosto, 2017, 12:05

A dirlo Simone Inzaghi alla vigilia della finale di Supercoppa italiana a Roma contro la Juventus. Contro la Juventus siamo sfortunati: affronteremo la miglior squadra in Italia, la compagine che ha vinto gli ultimi sei Scudetti. Abbiamo provato tante cose e ci siamo preparati bene per la partita di domani. "Sono soddisfatto di chi è arrivato, ma sappiamo che avremo più gare e avremo bisogno di qualche giocatore in più". Nelle ultime quattro sfide disputate contro i bianconeri abbiamo offerto buone prestazioni, ma non perfette. Sappiamo che incontriamo la Juventus ma sappiamo anche che le partite secche possono riservare qualsiasi risultato. Abbiamo avuto un problemino con Felipe Anderson nell'amichevole con il Bayer Leverkusen: stava facendo un'ottima preparazione il brasiliano. Marusic ha dimostrato di essere un calciatore pronto: è un ragazzo sveglio che sta imparando l'italiano in pochissimo tempo. Dobbiamo lottare su ogni pallone, meritiamo questa finale. Leiva si è inserito al meglio, dopo 15 giorni conosce già i compagni, è un leader e ci darà grandissime soddisfazioni.

"Per costruire grandi squadre serve continuità al gruppo, dobbiamo aprire un ciclo". In quel ruolo fino al suo arrivo ho provato Luis Alberto ed eventualmente abbiamo Di Gennaro. Sulla nuova Juventus da affrontare, il tecnico biancoceleste osserva: "Non avranno Bonucci, ma il livello tecnico della Juve penso sia rimasto intatto".

Keita? Sapete com'è la situazione, ci sono delle voci. Se vedrò che Keita potrà dare il 100% giocherà, altrimenti giocherà chi ha più voglia di lui. I numeri parlano chiaro. "Con la Juve abbiamo una tradizione sfavorevole ma come la maggior parte delle squadre, dovremo fare una gara coraggiosa". Non so dirvi nemmeno il modulo: l'esperienza mi dice che spesso si parte in un modo e si finisce in un altro. È per noi motivo d'orgoglio giocare questa finale, ce la siamo meritata e vogliamo disputarla al meglio.

Other News