Giovedi, 19 Ottobre, 2017

Caso Caccia, Schirripa condannato all'ergastolo a 34 anni dal delitto

Rocco Schirripa è stato condannato all'ergastolo per l'omicidio del procuratore Bruno Caccia, avvenuto il 26 giugno 1983 Omicidio Caccia – Schirripa 'Io terrone e capro espiatorio'
Tiziana Canali | 17 Luglio, 2017, 21:06

Rocco Schirripa è stato condannato all'ergastolo come esecutore materiale dell'omicidio del procuratore di Torino Bruno Caccia, assassinato dalla 'ndrangheta nel 1983 a Torino. Rocco Schirripa era stato arrestato a dicembre del 2015 ed oggi dopo sei ore di camera di consiglio, la Corte d'Assise ha pronunciato questo importante verdetto. Le figlie di Caccia, il cui legale di parte civile Fabio Repici si è spesso scontrato anche con la stessa Procura, hanno sottolineato che "non è ancora stata fatta completamente giustizia". Lui si è sempre detto innocente e anche in mattinata, al termine del dibattimento, si è definito una "vittima sacrificale" perfetta in quanto "pregiudicato, terrone e compare di Belfiore".

"Per l'omicidio è stato già condannato in via definitiva come mandante Domenico Belfiore, dell'omonimo clan". Scontato, dunque, il ricorso in appello.

Other News