Mercoledì, 20 Settembre, 2017

Uccide la moglie dopo un litigio e poi si spara

Omicidio-suicidio a Montalto Uffugo uccide la moglie ma non la figlia Cosenza, agente penitenziario uccide la moglie e si suicida davanti alla figlia
Tiziana Canali | 28 Giugno, 2017, 16:41

Ha sparato alla moglie e poi si è tolto la vita. Nell'appartamento, secondo le prime informazioni diffuse sulla vicenda, era presente anche la figlia di 18 anni, che è rimasta illesa.

Una tragedia familiare è avvenuta stamani nella frazione di Sant'Antonello, a Montalto Uffugo, dove un 53enne, Giovanni Petrasso, agente penitenziario, ha ucciso la moglie, Maria Grazia Russo, di 48 anni. Per Petrasso e la moglie, comunque, la morte è stata istantanea. L'uomo le avrebbe sparato diversi colpi di arma da fuoco, per poi rivolgere la stessa arma contro se stesso.

È stata la figlia diciottenne della coppia, rimasta illesa, ad avvertire i carabinieri del fatto che il padre, aveva ucciso la madre, . Uditi i colpi sparati dal padre con la propria pistola d'ordinanza, la diciottenne è entrata nella stanza e ha visto i corpi senza vita dei genitori riversi sul pavimento. Proprio la figlia ha chiamato i carabinieri. Un'altra figlia più grande della coppia vive fuori dalla Calabria per motivi di studio.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e i sanitari 118, che hanno tentato inutilmente di rianimare le vittime.

Other News